Dietland: una donna obesa contro tutti

Article by · 7 giugno 2018 ·

Dietland, la nuova serie AMC racconta di una ghostwriter con un serio problema di peso, senza giustificare la cosa.

Alicia VS Plum

Alicia Kettle (Joy Nash), “Plum” per gli amici, è una donna obesa che fa la ghostwriter per una rivista di moda. Ogni giorno, la ragazza si ritrova sepolta da lettere a cui deve rispondere per la sua capa, la glaciale Kitty Montgomery (Julianna Margulies). Plum, chiamata così per il suo peso, ha provato sulla sua pelle tutte le diete immaginabili ma non le è servito a nulla. Perché tormentarsi se metà delle sue amiche agli incontri sul peso sta così? Plum lo sa bene, è tutta la vita che prova a perdere peso e discute con la madre, una donna normopeso, su come l’operazione per lei sia necessaria per riprendersi, in quel mondo patinato dove lei cerca di lavorare senza essere né vista né percepita da qualcuno.

La rubrica di Kitty infatti è piena di lettere sull’autolesionismo, il peso, i tradimenti ma la donna è talmente costruita e glaciale che forse solo Plum riesce a dare un minimo di umanità alla posta. Plum quindi è un binomio necessario, dove una donna grassa e single è una bomba a mano pronta a esplodere da un momento all’altro. Il tono graffiante della serie è dato specialmente dall’attrice che incarna Plum, aiutata anche da un’altra lei interpretata da un personaggio disegnato che punta a tutto pur di fare una cosa normale: indossare un vestito rosso.

Il tono graffiante della serie è dato anche dalla rappresentazione dell’industria giornalistica americana: a Kitty non interessa minimamente dei suoi lettori. L’unica cosa che vuole da Plum è una rubrica che faccia sembrare la donna interessata, quando per lei conta solo la taglia del vestiario.

La guerra dell’unico sesso

Quello che la serie rappresenta è un mondo spaccato in due proprio dalle persone come Plum e Kitty, donne che non sanno che fare della loro vita o lo sanno troppo, e tendono a snaturare le cose. Se a Kitty non interessa minimamente che alcune persone del suo pubblico si taglino sotto la doccia (e le chiedono consiglio), a Kitty interessa non essere seguita per strada o fotografata perché grassa. Anzi, proprio perché grassa vorrebbe sparire e diventare invisibile, fino al raggiungimento del suo scopo, cioè fare il bypass gastrico e chiudere finalmente quel capitolo della sua vita. Un’ancora di salvezza viene lanciata da Julia (Tamara Tunie), la manager della sala trucco della compagnia editoriale che cerca di rafforzare la sicurezza di Plum.

Marti Noxon, la regista della serie, ci ridà uno spaccato della vita della donna americana veritiero, adattando al meglio il romanzo di Sarai Walker. Non ci sono più quindi i soliti cliché maschilisti che scrivono serie per le donne anche se con le donne non ci hanno mai parlato. Al contrario, il tono e i modi di presentazione sono così reali che forse davvero in poche non si sentiranno rappresentate da Plum e dalla sua vita.

La serie è in streaming sul sito Amazon Prime Video e andrà in onda tutti i lunedì, grazie alla AMC che sviluppa l’adattamento. I primi due episodi sono già caricati sul sito. Vi consigliamo ovviamente la visione per scoprire un nuovo modo di raccontare le donne senza se e senza ma, donne originali e vere, al contrario delle donne a cui gli scrittori ci hanno sempre abituato.

Ho poca pazienza e leggo troppi libri; sono fedele solo a Mr. Z.
La mia rubrica “I Dis-adattati!” è nata per guidare tutti coloro che vogliono vedere serie tv tratte dai libri senza brutte sorprese.