Dirk Gently, la seconda stagione è cominciata benissimo!

Article by · 18 Ottobre 2017 ·

Attenzione! L’articolo è sul pilota della seconda stagione di Dirk Gently, potrebbero essere presenti spoiler della stagione precedente.

Dirk Gently, l’investigatore olistico della BBC interpretato da Samuel Barnett e basato sul personaggio di Douglas Adams, è tornato per un’altra, meravigliosa stagione.

La storia comincia in un lontano regno da fiaba abitato da spadaccini armati di forbici giganti. Dopo un primo momento di confusione dove ci sembra di aver sbagliato serie, uno dei cavalieri annuncia che andrà a cercare l’unico in grado di salvare la sua terra: Dirk Gently!

Amici da ritrovare.

Ricordando com’era la stagione precedente, fatta di gattini-squalo, culti e viaggi nel tempo, tutto sommato non è un inizio tanto strano. Anche perché, proseguendo nella puntata, ritroviamo le nostre vecchie conoscenze più o meno dove le avevamo lasciate. Dirk è prigioniero del governo, di nuovo inserito contro la sua volontà nel progetto Blackwing, mentre Todd (Elijah Wood) e Farah (Jade Eshete) sono in fuga da mesi.

Todd, poi, deve anche imparare a gestire la pararibulitis, malattia che ha finto di avere per tutta la vita e che gli è poi venuta alla fine della prima stagione. Sua sorella Amanda (Hanna Marks) invece, che la pararibulitis ce l’ha davvero da anni, sembra aver imparato a sfruttare questo male per i suoi scopi. Lei guida l’unico altro membro dei Rowdy 3 rimasto in libertà e, così come Todd e Farah stanno cercando Dirk, loro sono alla ricerca degli altri del gruppo. E poi, ovviamente, si rivedono Bart (Fiona Dourif) e Ken (Mpho Koaho), separati anche loro.

In pratica, se la prima stagione ha unito delle persone sole, ora queste stesse persone dovranno trovare il modo di tornare assieme. E salvare il regno visto nell’introduzione, si suppone.

Ma non è tutto: oltre ai volti già conosciuto vediamo anche un mago malvagio (John Hannah) e Suzie, donna timida che, anche se ha famiglia e lavoro, sembra sola al mondo e vittima degli eventi. Almeno fin verso la fine… La prima volta che incontriamo Suzie indossa una maglietta con scritto “Non farmi usare i miei superpoteri” e, ecco, non era un caso.
Niente è mai un caso.

Everything is connected!

In generale in questa puntata non capita troppo, ma viene mostrata la situazione dei vari personaggi e del mondo.
Poche serie oltre a Dirk Gently sarebbero state in grado di riprendere in mano le fila di vecchi personaggi, presentarne di nuovi, inserire cattivi e alleati, conigli, scienza, magia e caso in una sola puntata senza che risultasse confuso. O meglio, la confusione, per così dire, è ciò che ha sempre fatto parte di questo show. Ma una confusione voluta dalla storia, non fatta per sbaglio.

Se nella prima stagione, infatti, le cose sembravano non avere un senso ora, chi è arrivato all’inizio della seconda, sa che ogni evento è connesso. Non importa quanto sia assurdo, fuori di testa e illogico, tutto troverà la sua strada. Non ci interessa se prima c’erano viaggi nel tempo e ora bacchette magiche, ogni evento rimane coerente con le regole che ci sono state presentate prima.

E le abbiamo messe in dubbio, per tutta la stagione precedente, con Todd. Seguendolo ci siamo trovati davanti a un mondo più grande di quello a cui eravamo abituati, dove il caos ha un senso e ogni singola casualità è collegata a un’altra, come in un gigantesco domino cosmico. Ora non possiamo fare altro che “aspettare che qualcosa di assurdo capiti”, vedere i pezzetti del puzzle unirsi tra loro e avere risposte alle domande lasciate da questi primi 50 minuti.

Ancora, per favore.

Cos’altro si può dire alla fine di questa nuova puntata di Dirk Gently? Anche perché dai, ora siamo all’ennesima potenza dell’assurdo. Dato che chi è arrivato a questo punto sa cosa aspettarsi, e, in teoria, dovrebbe essere pronto a tutto, gli autori sembra abbiano scelto di evitare noiose introduzioni ideate per non spaventare eventuali nuovi spettatori. O i vecchi che si sono dimenticati cosa sia questa serie.

Senza paura, Dirk Gently si affaccia su un mondo magico (in tutti i sensi). Promette l’arrivo di altre persone con poteri, nemici improbabili e situazioni inaspettate… Considerato com’è stato in passato dovranno essere tanto inaspettate.

Tutto è connesso, ora lo sappiamo. Basta buttarsi. E avere un po’ di fortuna, magari.

 

Salva

Salva


    Leave a comment