Hill House: una serie davvero da brividi

Article by · 5 novembre 2018 ·

Hill House è una serie originale Netflix di genere horror, creata da Mike Flanagan e destinata a entrare nel cuore dei fan dell’orrore.

La casa d’infanzia che non ti lascia mai

La storia segue le vicende della famiglia Crain, composta da due fratelli, tre sorelle e i genitori, costantemente divisi tra il loro passato nella tenuta di Hill House e il loro presente fatto di nodi irrisolti e inquietanti visioni.

Tutto comincia con Steven, il fratello maggiore diventato scrittore, che ha raggiunto la fama grazie alle storie della sua infanzia a Hill House. Steven, che è sempre rimasto scettico riguardo a ciò che è successo nella casa, riceve una telefonata dalla sorella Nellie: questo sarà l’inizio in una spirale discendente di eventi oscuri e ricordi rimossi.

E mentre il loro passato riemerge prepotentemente, così fanno gli spettri che li hanno tormentati nella loro infanzia, cercando di riportarli nella tenebrosa e malevola Hill House.

La serialità ha finalmente un horror serio

Il mondo delle serie ha da sempre cercato di approcciare il genere horror, producendo titoli molto fortunati e certamente di qualità. The Walking Dead e American Horror Story sono due esempi pregevoli, ma nessuno di loro ha mai raggiunto i livelli di tensione e angoscia di Hill House

Rispetto ai suoi predecessori, Hill House non usa l’orrore come device narrativo per impostare un tono di oscurità, ma si addentra nel pieno di questa oscurità e conduce la storia in un contorto labirinto dove il connubio tra la struttura della casa maledetta e l’ottima regia di Flanagan tengono costantemente teso il filo della paura. 

Con il procedere della storia, tutti i protagonisti si immergono in una dimensione oscura, divisa tra il mondo che li circonda e il loro mondo interiore, quello infestato dal ricordo del male insaziabile che si annida nella memoria. La loro discesa nell’orrore si accompagna alla discesa dello spettatore nella loro mente. 

Orrore o psicosi?

La vicenda, vista dallo scettico Steven, non è altro che il frutto di malattie mentali che infestano il genoma dei Crain. Questa convinzione lo ha portato a isolarsi dal resto della famiglia, priva di barriere contro le presenze che li hanno segnati. 

A cominciare dalla sorella maggiore Theo, dotata di strani poteri tattili e per questo costretta a indossare sempre guanti per proteggersi; abbiamo poi la mediana Shirley, la ragazzina perfetta costretta a sobbarcarsi il peso di tutte le nevrosi di famiglia; e poi Hugh Crain, il padre di famiglia che custodisce il segreto di ciò che è successo alla moglie Olivia, scomparsa a Hill House.

E infine, i gemelli Luke e Nellie, segnati più in profondità di chiunque altro e quindi posti più di tutti sotto l’influenza dei terribili spettri, come l’inquietante “donna dal collo storto”, la presenza che a più riprese comparirà al cospetto di Nellie, muta e misteriosa.

Netflix domina Halloween

Se questo Halloween avete deciso che di feste non ne avevate voglia e siete rimasti a casa a guardare questa chicca, vi siete beccati il dolcetto migliore che Netflix ha sfornato in anni. 

Hill House entra senza dubbio nei top dei prodotti seriali dell’anno e si conquista un posto sul podio delle migliori serie horror di tutti i tempi.

La mia vita è fatta di serie TV e film a livello da tossicodipendenza. Dicono che ho un problema, ma Mr. Z dice che finché faccio le recensioni va tutto benissimo, quindi…