Nip/Tuck: l’edonismo chirurghico #OldButGold

Article by · 14 settembre 2018 ·

Nip/Tuck è una serie FX andata in onda dal 2003 al 2010, riscuotendo molta popolarità. Le avventure dei due chirurghi Christian Troy (Julian McMahon) e Sean Mcnamara (Dylan Walsh) hanno visto alternarsi una serie di puntate a tema come lo splatter, l’erotico e l’horror.

Il titolo 

Il titolo della serie si riferisce al “taglia e cuci” chirurgico effettuato nelle sale operatorie quando bisogna svolgere interventi rapidi. Christian e Sean sono due chirurghi estetici che si ritrovano molto spesso a operare donne già bellissime ma insicure del loro aspetto fisico. Se Sean è quello che dei due cerca di non cedere alle lusinghe delle clienti, Christian è colui che, molto spesso, se le porta a letto. Durante le sei stagioni infatti, Christian si ritroverà molto spesso ad affrontare il suo problema con le donne e con sé stesso, specie per via di una modella che frequenta lo studio da molto e che sembra aver puntato il nostro chirurgo, Kimber Henry (Kelly Carlson), che durante il corso della serie si ritroverà invischiata con Scientology, col figlio di Sean Mcnamara, Matt (John Hensley) e che alla fine sposerà Christian.

Sì, avete letto bene. Se la parte sulla chirurgia è fatta benissimo in questa serie, non si può dire lo stesso delle trame che collegano i personaggi principali. Molto spesso, infatti, il creatore della serie, Ryan Murphy (AHS, Glee), tende a intrecciare “troppo” le vite dei personaggi, ed ecco che si sviluppano delle trame da far invidia giusto a Beautiful per come sono strutturate.

Sottotrame fitte

Sebbene la storia parli di chirurgia, le sottotrame tra i personaggi non si sono limitate alla linearità, ecco quindi che Matt Mcnamara, il figlio di Sean sposa Kelly, per poi divorziare da lei e lei risposa Christian, che in realtà è il padre di Matt…Che cosa?!? Sì, avete letto bene, Matt in realtà non era il figlio di Sean ma di Christian, frutto di una notte di passione tra la moglie di Sean Julia( Joely Richardson) e Christian.

Se arrivati fin qua avete il mal di testa, pensate agli spettatori che si sono trovati davanti queste sottotrame. Un altro punto di forza della serie è stato mescolare i vari generi. Infatti nella prima/seconda stagione c’è una sottotrama thriller, con un killer che sembra dar la caccia alle clienti dei due famosi chirurghi della Florida. La storia andrà avanti fino alla metà della seconda stagione, con la risoluzione del caso e l’arresto del pazzo che rapiva le clienti dei due per sfregiarle.

Christian Troy

Un altro punto saldo della serie è la vita sessuale di Christian Troy, ossessionato dalle donne e disposto a dormire con qualunque cliente glielo chieda, arrivando anche a mettere una busta di carta sulla testa di una cliente che lui non reputava così bella per dormire con lui. Christian in realtà ha un passato difficile, essendo stato abusato da bambino e solo alla fine della terza stagione pare ritrovare il senno e la calma con sé stesso. Ryan Murphy con questa serie ha dimostrato di saper mettere su un buon prodotto, anche valicando tanti paletti “morali” per quanto riguarda la formazione dei personaggi, ma che funzionano e sono soprattutto memorabili dal punto di vista del piccolo schermo.

Da recuperare?

Se non avete mai visto niente di Ryan Murphy o non avete mai sentito parlare della serie, direi che è arrivato il momento di recuperarla e vedere cosa c’era in tv nei primi anni 2000. Certo, la serie è sconsigliata per tutti coloro che si impressionano per via delle continue operazioni rappresentate sul piccolo schermo.

Ho poca pazienza e leggo troppi libri; sono fedele solo a Mr. Z.
La mia rubrica “I Dis-adattati!” è nata per guidare tutti coloro che vogliono vedere serie tv tratte dai libri senza brutte sorprese.